25 Aprile San Marco “la leggenda del bocolo “

25 Aprile 2019 0 Di IlVittogram

Oggi 25 aprile una giornata che da sempre divide il Popolo Italiano,tra chi dice che avvenne una “Liberazione” attribuendo tutto il merito ai partigiani, e tra chi invece dice che i partigiani fecero delle violenze inaudite ai danni del nemico oramai vinto, insomma una festa che non unisce, MA CHE DIVIDE almeno secondo il mio pensiero.

Bene, questa volta però voglio raccontarvi quello che una parte d’Italia (e non solo), il Veneto per dire, festeggia il suo Patrono: SAN MARCO EVANGELISTA.

Ma leggiamolo insieme:

 

La leggenda del Boccolo di San Marco racconta dell’amore di due giovani, così forte da essere tramandato nella tradizione veneziana proprio con il fiore, il bòcolo che, nel giorno di San Marco protettore di Venezia, ogni uomo offre alla sua amata.

La tradizione trova radici in un fatto storico realmente avvenuto e dietro all’usanza di regalare una rosa rossa alla donna amata vi è la leggenda di una giovane donna di nome ” Vulcana ” vissuta ai tempi di Carlo Magno.

La nobildonna Maria Partecipazio apparteneva a una famiglia potente ed era lei stessa una giovane piena di ardore e di passione come attesta il soprannome ” Vulcana ” che gli veniva attribuito.

Maria si innamorò di Tancredi, un trovatore. Il loro era un amore contrastato, perchè la famiglia di Maria non giudicava il giovane Tancredi degno di lei. Ma ” Vulcana “, per fare in modo che Tancredi acquisisse una nobiltà almeno formale e potesse proporsi come sposo,  lo convinse ad arruolarsi nelle truppe dell’imperatore Carlo Magno e a partire per la guerra contro i mori di Spagna.

Tancredi partì e si distinse per il valore ed il coraggio, tanto che la fama delle sue imprese raggiunse Venezia, rassicurando Maria, che attendeva il ritorno del suo eroe per poterlo finalmente sposare. Ma Tancredi, ferito a morte durante la battaglia, morì sopra un roseto, tingendolo di rosso con il suo sangue.

Con le ultime forze raccolse un bocciolo e lo affidò ad Orlando chiedendogli di portarlo a Maria insieme alle sue ultime parole d’amore.

Orlando, obbedendo alla promessa, appena tornato in patria andò a Venezia e consegnò il fiore a Maria. Era il giorno di San marco. Maria sarebbe morta quella stessa notte, con il fiore stretto al petto.

Ancora oggi si racconta che il fantasma di Maria, nel giorno di San Marco, il 25 aprile, si aggiri ancora per Venezia, diafana presenza senza colore, se non per quel fiore rosso stretto al petto …

Racconto preso da venezia.travel